#Manutenzione Giostre
COME IMMATRICOLARE I NUOVI VEICOLI ADIBITI A SPETTACOLO VIAGGIANTE By Enrico Fabbri
0
6496
PNR
27488 dated 15.07.2018
Pubblicato da
Enrico Fabbri
Fonte
Enrico Fabbri
Pubblicità
 
I semirimorchi delle attrazioni sono spesso considerati veicoli eccezionali per dimensione o peso con grandi difficoltà per le prime immatricolazioni. Cosa fare?
 
COME IMMATRICOLARE I NUOVI VEICOLI ADIBITI A SPETTACOLO VIAGGIANTE
by Enrico Fabbri
 
Al momento dell’acquisto di un’attrazione nuova o usata, non c’è spettacolista che non abbia incontrato difficoltà nell’eseguire l’immatricolazione e quindi avere targhe regolari del suo semirimorchio. Vediamo quindi di spiegare bene quali sono i problemi più comuni e come risolverli.
 
Innanzitutto va precisato che ogni veicolo che viaggia su strada deve essere munito di una targa di immatricolazione definitiva o provvisoria, pena la confisca del veicolo e multe importanti. In aggiunta, esiste un obbligo e una responsabilità precisa di ogni costruttore di far uscire un semirimorchio dalla fabbrica solo se provvisto di targa. Se non lo fa, il produttore diventa anche lui responsabile con l’autista e il proprietario del semirimorchio. Per questo molti costruttori si sono attivati cercando le opzioni più semplici e veloci per ottenere i documenti necessari per le immatricolazioni delle loro attrazioni.
 
Seconda nozione importante è capire che cosa significa ‘semirimorchio eccezionale’. Si tratta di un veicolo che supera una o più delle dimensioni standard, ovvero: 13,6m di lunghezza; 2,55m di larghezza e 4,00m di altezza. I costruttori hanno fatto il massimo per contenere le dimensioni dei semirimorchi e quindi solitamente questi sono eccezionali solo per la lunghezza. Esistono poi dei casi in cui i semirimorchi sono eccezionali per peso, ovvero superano i 36.000kg.
 
Tutti i semirimorchi eccezionali devono avere dei permessi speciali per essere utilizzati in strada. A seconda delle dimensioni totali e del peso, i permessi possono essere particolarmente complessi e costosi e possono prevedere delle restrizioni importanti, specialmente quando il peso è eccessivo. Tutto questo si complica quando l’operatore deve affrontare un percorso che include più nazioni europee poiché ogni territorio, autostrada e nazione prevedono permessi diversi.
 
Nel corso degli ultimi 10/15 anni le procedure necessarie per l’immatricolazione dei semirimorchi sono state semplificate ed armonizzate in tutta Europa grazie alla Direttiva 2007/46-CE che stabilisce obblighi di riconoscimento della documentazione tra le nazioni. Quando è richiesta l’emissione di una targa di un semirimorchio, sia che si tratti di un’attrazione nuova o usata, è necessario effettuare una visita tecnica presso uno dei centri presenti in Italia e in ogni altra nazione europea. La visita necessita di una documentazione dettagliata che specifica il tipo di assali utilizzati, un disegno dell’impianto pneumatico frenante, il tipo di luci installate. Se la visita tecnica ha esito positivo viene emesso un certificato che consente poi agli uffici provinciali di rilasciare la targa e quindi il libretto.
 
Esistono dei tecnici in grado di eseguire nel migliore dei modi queste pratiche davvero molto complesse; tenendo conto delle dimensioni del semirimorchio, decidendo se procedere a:
(a) un’omologazione per semirimorchio standard oppure
(b) un’omologazione per semirimorchio eccezionale
In aggiunta, se il richiedente è un costruttore sarà possibile richiedere un’omologazione per serie limitata: significa che viene ispezionato il primo prototipo, e poi sarà possibile immatricolare sino a 500 esemplari identici; oppure un’omologazione per un solo esemplare. In aggiunta, la normativa consente di emettere una omologazione CE, ovvero un’omologazione che consente la successiva immatricolazione (consegna fisica della targa) in qualsiasi nazione europea.
 
I costi di queste pratiche non sono alti, specialmente se le pratiche sono predisposte dal costruttore in quanto lui spenderà una sola volta e poi dovrà semplicemente emettere un certificato. Se al contrario la procedura deve essere eseguita dall’operatore allora la spesa potrebbe arrivare a 5.000 euro per ciascuna omologazione.
 
Se invece state vendendo la vostra attrazione ad un cliente che è residente in una nazione diversa dalla vostra si deve seguire un’altra procedura. Innanzitutto serve che il vostro semirimorchio abbia la targa, quindi si deve comunicare all’ufficio territoriale la cancellazione della targa per vendita all’estero. Verrà ritirata e verrà consegnata una targa provvisoria per esportazione. Il cliente che acquisterà la vostra attrazione potrà immatricolare facilmente il semirimorchio nella sua nazione recuperando la scheda tecnica che era stata già depositata nella vostra nazione.
 
Queste sono le informazioni basilari che possono aiutare a completare il quadro tecnico. Vi invito a chiedere ulteriori informazioni alle vostre associazioni di categoria che si occuperanno di individuare per voi uffici tecnici in grado di produrre i documenti necessari e di eseguire le ispezioni ai semirimorchi.
 

 
Scritto da Enrico Fabbri enrico@fabbrirides.com
Articolo originariamente pubblicato nella rivista Games Industry (Italia)
Data originale: Luglio 2018
#35
 

Liberatoria – Dichiarazione di Rinuncia:
Il presente documento non costituisce alcun tipo di consulenza di natura tecnica, normativa o ispettiva. RidesZone consiglia i propri utenti di valutare il materiale pubblicato in maniera indipendente con l’aiuto di un consulente professionista in modo da valutare le possibili conseguenze legali, normative, civili e penali.  Sebbene le informazioni e i dati qui pubblicati siano ottenuti da fonti che sono ritenute affidabili, RidesZone non fornisce nessuna garanzia circa la loro accuratezza e completezza.  RidesZone non accetta nessuna responsabilità per possibili danni risultanti dall’uso, uso scorretto o non uso, di alcun tipo di informazione contenuta in questo post.  L’utente, scaricando/aprendo il documento allegato, accetta sotto la propria responsabilità tutti i termini e le condizioni scritte qui sopra.
Questo testo è stato tradotto con Google Translator, quindi potrebbe contenere errori, fare riferimento alla versione inglese in caso di dubbio.
 
[Tag: RZEF ]